Contenuto principale

CONCORSO "I giovani ricordano la Shoah"

Anno scolastico 2006/07 - Gennaio 2007

Le classi 3^A, 3^B, 3^C della Scuola secondaria di I grado della sede di Cursi hanno vinto il primo premio, per questo settore di scuola, del Concorso Nazionale "I giovani ricordano la Shoah", bandito dal Ministero della Pubblica Istruzione, in collaborazione con l'Unione delle Comunità  Ebraiche Italiane e con l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica, nell'ambito delle iniziative per la celebrazione del "Giorno della Memoria" (Legge 211/00).

Il concorso, rivolto a tutti gli studenti delle scuole di ogni ordine e grado, vuole mantenere viva la memoria, tra le giovani generazioni, di una delle pagine più oscure e terribili del '900. Il tema specifico di quest'anno è stato:"La condizione di incredulità, speranza e timore dei tanti 'bambini nascosti' durante il periodo della Shoah".

copertina lavoroPartendo dalla lettura di alcuni brani tratti da "Il diario di Anna Frank", gli alunni, egregiamente guidati dalle loro docenti, hanno composto "Il diario, mai scritto, di Anne Frank", pensando a come Anna l'avrebbe scritto, una volta ritornata alla vita normale, con le sue gioie, le sue attese, le sue speranze, i suoi sogni.

Il lavoro è stato premiato con la seguente motivazione: "Il lavoro collettivo è pienamente in tema, si distingue per l'originalità  dell'impostazione: un'ipotetica prosecuzione del diario di Anna Frank. La modalità  narrativa prescelta dà  avvio ad un processo di interiorizzazione ed immedesimazione degli alunni nella vicenda di Anna Frank. Attraverso la contrapposizione sogno-realtà , gioia-amarezza, esperienza eccezionale-normalità, vengono rievocati, con il contributo personale e partecipato di tutta la classe, sensazioni e stati d'animo che colgono la persistenza della speranza nelle 'piccole grandi cose' della vita quotidiana".

Le tre classi, nel loro viaggio-premio a Roma, hanno vissuto un'esperienza indimenticabile; sono state ricevute dal Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano e dal Ministro della Pubblica Istruzione, Giuseppe Fioroni, sono state accolte dalla Comunità  ebraica ed hanno visitato il ghetto e il Museo ebraico  di Roma.

Estratto del lavoro >>>